Libertà per Patrick George Zaki, affisso uno striscione sui balconi di Palazzo ex licei

2' di lettura 20/11/2020 - La mattina del 7 febbraio 2020 agenti dell’Agenzia di sicurezza nazionale egiziana hanno arrestato Patrick George Zaki, in attesa di indagini per accuse tra cui figuravano “diffusione di notizie false”, “incitamento alla protesta” e “istigazione alla violenza e ai crimini terroristici”. Da allora il ventisettenne, che in Italia frequentava un master dell'Università degli Studi di Bologna, è detenuto preventivamente nel carcere di carcere di Tora al Cairo.

Da giovedì mattina uno striscione che inneggia alla scarcerazione del giovane egiziano, realizzato in collaborazione con la sezione fidentina di Amnesty International, campeggia da uno dei balconi degli Ex Licei che si affacciano su piazza Matteotti.

L'iniziativa rappresenta il primo degli impegni assunti dal Consiglio Comunale di Fidenza che nel corso della seduta del 10 settembre 2020 ha approvato l'ordine del giorno presentato dal consigliere Marco Gallicani già a partire dal 17 febbraio con l'obiettivo di alzare l'attenzione della nostra Comunità sui diritti negati di Patrick Zaki e invitare il Sindaco a entrare in contatto con tutte le sedi opportune, non ultima l'ambasciata Egiziana a Roma.

“A nome di Amnesty gruppo di Fidenza ma anche di tutta la sezione italiana – ha spiegato Nelly Bocchi - io ringrazio il Comune di Fidenza per questo striscione che è stato apposto in un luogo di cultura e vi ringrazio con le parole della sorella di Zaki: “Grazie per tutto quanto che state facendo, voglio dirvi che Patrik ha bisogno di tutto il vostro sostegno per tornare libero. Continuate a condividere informazioni e ad aiutarlo in modo che possa uscire dal carcere e tornare a seguire il suo Master”. Questo striscione ricorda a tutti che la cosa da mettere al primo posto è il rispetto dei diritti umani per tutti e per tutte”.

Per Maria Pia Bariggi, assessore alla Cultura, “Zaki è stato messo in prigione con accuse per le quali ad oggi non sono state esibite prove di alcun tipo. Per lui e per tutti coloro che combattono per una democrazia partecipata e rispettosa dei diritti di ciascuno il Comune di Fidenza ha scelto di esporsi con questo manifesto”.

“Parliamo di Zaki – ha concluso il consigliere Marco Gallicani - per parlare di tutte le vittime di una deformazione del contratto non scritto che sta alla base della nostra convivenza, e cioè che l'autorità serve per proteggere e non per sottomettere. Non è evidentemente un problema soltanto di Patrik e quindi parliamo di lui per parlare in realtà di noi e di come noi interpretiamo questo contratto, con responsabilità, con tutta la capacità che abbiamo di dare contenuto alle parole della Costituzione. Quindi in ultima analisi parliamo di diritti ma anche per parlare di doveri”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-11-2020 alle 17:44 sul giornale del 21 novembre 2020 - 161 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa, fidenza, comune di Fidenza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bCRK





logoEV