SEI IN > VIVERE FIDENZA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Simone Fornasari è il nuovo presidente di Visit Emilia

5' di lettura
22

È Simone Fornasari il nuovo presidente di Visit Emilia, l'ente per la promo-commercializzazione turistica del territorio delle province di Parma, Piacenza e Reggio Emilia.

Durante l'assemblea, che si è svolta il 20 dicembre 2023 nella sede della Provincia di Parma, è stato eletto il nuovo consiglio di amministrazione, che ha incoronato neopresidente l'assessore al commercio e al marketing territoriale del Comune di Piacenza. «È una grande responsabilità – ha sottolineato Simone Fornasari - nonché un grande motivo di orgoglio dare continuità all'eccellente lavoro fatto in questi anni da Cristiano Casa, che ha saputo dimostrare visione, concretezza e risultati tangibili ad un territorio che ha tanto da offrire grazie alle sue eccellenze enogastronomiche, al patrimonio artistico, storico, culturale e paesaggistico davvero unico. Tutto questo rappresenta un mix di eccellenze all'insegna del turismo lento ed esperienziale di cui la Destinazione Emilia può essere vera interprete e protagonista. Confronto e condivisione saranno il denominatore comune di questo mandato che dovrà mettere da parte ogni campanilismo controproducente al prezioso e sinergico lavoro di squadra, utile a promuovere questo bellissimo territorio».

Sono stati nominati sette membri del CDA, che è composto da Simone Fornasari e Gianluca Argellati per Piacenza; Lorenzo Lavagetto e Francesco Mariani per Parma; Ivano Pavesi, Annalisa Rabitti ed Enrico Ferretti per Reggio Emilia. Gli ultimi due membri verranno nominati a metà gennaio.

Il presidente uscente Cristiano Casa, nel fare gli auguri e le congratulazioni al nuovo ha illustrato un resoconto del lavoro svolto negli ultimi tre anni, un lavoro di squadra che ha coinvolto enti istituzionali, operatori turistici e rinforzato le reti di prodotto di Visit Emilia (Food & Wine, Cultura & Castelli, Terme & Outdoor). Un'attività poliedrica, che ha prodotto importanti risultati in termini di promozione turistica, con ritorni economici e l'aumento delle presenze sul territorio.

«Oggi si chiude il mio mandato triennale di presidente e la mia esperienza in Visit Emilia – ha commentato Cristiano Casa -. Ho lavorato nel 2016 alla sua nascita quando fu varata la legge regionale che istituì le destinazioni turistiche. Allora era impensabile che Parma, Piacenza e Reggio Emilia potessero lavorare insieme per creare una destinazione turistica comune, ma ci siamo riusciti e in questi anni da presidente ho spinto tanto perché si parlasse di Emilia, dimenticando i confini amministrativi delle tre province. Un viaggiatore che sia italiano o che arrivi dall'altra parte del mondo cerca luoghi straordinari in cui la gente li accolga con professionalità e passione. Questa è l'Emilia: luoghi e persone straordinarie.

Oggi Visit Emilia è come una tavola apparecchiata con sopra piatti squisiti da far gustare agli ospiti che vi siederanno. Nel 2016 non c'era neppure la tavola. Sono certo che nei prossimi anni ci sarà modo di farla crescere ulteriormente, anche perché il nuovo presidente, Simone Fornasari, è un professionista serio e competente che ama la nostra terra come la amo io. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a far crescere il turismo in Emilia in questi anni».

Tante le azioni portate avanti, dal rinnovamento del logo di Visit Emilia – la Terra dello Slow Mix, che esprime il senso di una destinazione in cui vivere un mix di esperienze tra cultura, natura ed enogastronomia, alle campagne di comunicazione, alla formazione attiva degli operatori delle reti sui temi dell'accoglienza turistica, del marketing, gli strumenti social e le best practice. Cristiano Casa ha evidenziato anche l'individuazione di 6 prodotti turistici, nell'ambito del Piano Turistico di Promozione Locale (PTPL), per ottimizzare l'impiego delle risorse a disposizione, con il coinvolgimento dei comuni di Emilia: Wonder Castles, dedicato all'Emilia fantastica da vivere nei castelli; Emilia Po River Experience per conoscere il Grande Fiume e i suoi territori; Golf Experience sulle vacanze per gli amanti del golf; Bike Experience con molteplici itinerari ed esperienze da fare in bicicletta; Wine Experience per valorizzare i vini e i prodotti enogastronomici anche con un calendario di eventi unico; Hikes & Paths sui cammini storici emiliani.

Numerose le attività di promo commercializzazione, dalla realizzazione del portale web dedicato all'Appennino emiliano, in condivisione con i GAL locali, alla collaborazione con Trenitalia per agevolare gli arrivi in treno nelle città dell'Emilia, fino alla partecipazione di importanti fiere nazionali ed internazionali. Particolare attenzione è stata rivolta al mercato turistico svizzero, in quanto mercato "alto spendente", alla ricerca di proposte di qualità, che apprezza la buona enogastronomia ed è favorito da buoni collegamenti tramite gomma e ferrovia (treno diretto Zurigo-Bologna con fermate a Piacenza, Parma e Reggio Emilia). Iniziative di promozione che hanno visto l'Emilia protagonista dell'Assemblea generale della Federazione svizzera di viaggi, che si è svolta a Parma ed un incremento dei turisti svizzeri sul territorio: da gennaio a ottobre 2023 ne sono arrivati circa 51mila (+10,8% rispetto al 2022 e + 24,3% rispetto al 2019). La crescita del turismo con Visit Emilia è testimoniata anche dai dati estrapolati dal web e dai social.

Negli ultimi tre anni, il sito www.visitemilia.com ha registrato un +550% di nuovi utenti (quasi 205.000), registra più di 2.200 iscritti alla newsletter, che nel 2020 non esisteva. La pagina Facebook di Visit Emilia ha visto raggiungere i 25.600 followers (+528% rispetto al 2020) e la pagina Instagram 18.100 followers (+1098% rispetto al 2020). Importante anche il riscontro in termini di ufficio stampa, con la realizzazione di circa 200 comunicati che hanno prodotto in media 600 pubblicazioni l'anno sulle principali testate e siti web italiani. Il lavoro di Visit Emilia trova conferma anche nei dati sulle presenze turistiche (2.437.097) che quest'anno sono aumentate del 3,9% rispetto al 2022.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-12-2023 alle 10:20 sul giornale del 22 dicembre 2023 - 22 letture






qrcode